Audio e Musica

La Musica ..

.. nasce tutto da qui, dalla passione per la musica e dall’ascolto della stessa. In età adolescenziale, dopo alcuni tentativi di creare musica sperimentando e mettendo le mani su diversi strumenti, tra cui il mio preferito (la tastiera), ho capito che quella non era proprio la mia strada, quindi con il tempo ho preferito dedicarmi maggiormente all’ascolto della musica, ascolto con la “A” maiuscola, scoprendo che “anche l’orecchio vuole la sua parte”!

In questo Blog troverete alcuni articoli inerenti alla mia interpretazione di ascolto, che si è concretizzata prima nell’ascolto in auto (Car Audio o Car Hi-Fi) e poi nell’ascolto in ambiante domestico (Home Audio ed Home Theater), facendomi scoprire tutto ciò che ruota intorno all’ambiente dell’ascolto musicale: lavorazioni e componenti, teoria e pratica.

Car Audio o Car Hi-Fi

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Giunto alla maggiore età, con l’arrivo della “tanto agognata” prima macchina, è arrivata anche la possibilità di cominciare a sperimentare nel mondo del Car Audio e la povera Fiat Cinquecento di mamma è stata oggetto di numerosi interventi, una sfida che mi ha portato subito a capire che non c’è ambiante più ostile di quello dell’abitacolo di un’auto, fatto di “plastiche, lamiere e vetri”, per cercare di ascoltare della musica in modo decente. Nonostante tutto però, grazie a passione ed impegno, tempo e tentativi, gli interventi effettuati sulla piccola di casa Fiat hanno portato dei buoni risultati in termini di resa sonora, tanto da ricevere qualche riconoscimento in “campo gara” nel circuito “Musica in Auto” che si teneva intorno agli anni 2000 nel nord Italia, con mia grande soddisfazione.

dsc06581dsc06604Con il cambio dell’auto è andato in scena il secondo capitolo della mia esperienza in questo mondo, la nuova arrivata era una MG ZS, berlina 3 volumi dalla linea sportiva, sulla quale grazie alle esperienze raccolte in precedenza, l’impianto audio è stato studiato a dovere prima dell’installazione e soggetto a successive poche modifiche, miglioramenti ed accorgimenti sì (necessari con il passare del tempo), ma nessuno stravolgimento radicale. Mi posso ritenere molto soddisfatto del lavoro svolto sulla berlina inglese, ed ancora oggi rimpiangoBuongiorno Dr.ssa, ho saputo della mamma, sentite condoglianze da parte mia e di Katia.

Concludo il discorso sottolineando alcuni concetti che ho a cuore, appresi con tempo ed errori, che spero possano essere d’aiuto a chi si affaccia da “inesperto” al mondo del Car Audio (validi in parte anche per quello del Home Audio):

1) è molto importante conoscere le basi che sostengono questa passione, ovvero: la musica, l’Hi-Fi, la componentistica necessaria, le teorie base del suono.

2) la configurazione di un impianto Car Hi-Fi (o Home Audio), dovrebbe essere impostata sulla base dei propri gusti musicali, perchè che non esiste l’impianto perfetto, che consente ottime riproduzioni con “qualsiasi” brano musicale. Un impianto dovrebbe quindi essere studiato e configurato in maniera tale da riprodurre degnamente il “nostro” genere di musica preferito, quello che più ci aggrada, diverte e rilassa.

3) il più delle volte, un impianto sarà modificato nel corso del tempo, questo di norma succede perché il nostro orecchio si affina! In pratica l’orecchio si “abitua” alla riproduzione musicale ed “avverte” (ricerca) quelle sfumature sonore che prima ci risultavano impercettibili, la conseguenza rischia di essere una “rincorsa” verso qualcosa di irraggiungibile. L’importante é non illudersi mai di aver raggiunto la perfezione, la perfezione non esiste in nessun campo!

Insomma, prima di cimentarsi nella costruzione di un impianto, sarebbe buona norma raccogliere il maggior numero di informazioni possibili! Non puntare mai al massimo nella scelta dei componenti, sceglierli invece, secondo le caratteristiche di cui abbiamo bisogno! Imparare a scegliere e’ un passo importante, così come darsi un traguardo e cercare di raggiungerlo nel migliore dei modi.

Home Audio ed Home Theater

hdr_00072_1Discorso quasi analogo per l’ascolto della musica in casa, qui abbiamo molti meno limiti “strutturali ed ambientali” rispetto all’abitacolo di un’auto, ma dobbiamo (per quanto possibile) cercare di non complicarci troppo la vita.

Personalmente però nell’ambiente domestico amo sperimentare, sia in campo Audio (puro, Stereo 2.0) che in ambito Home Theater (multicanale, 5.1/7.1), su diverse piattaforme ed ambienti, spaziando dall’ascolto su sistema Hi-Fi dedicato a quello con PC e scheda audio, e passando da ambienti mansardati a locali più strutturati.

Si, ho scritto di non complicarsi la vita, ma a me piace farlo .. e questo mi porta a sperimentare sempre soluzioni differenti ed a capire come la riproduzione sonora sia sensibile sia ai “clic” che ai “volumi” che alle “distanze” .. nulla di più incentivante!

Spero in futuro di pubblicare delle recensioni su prodotti ed installazioni, con dettagli su come li ho impiegati ed i conseguenti risultati ottenuti, con l’intento di essere utile a qualche lettore amante della sperimentazione come me .. buona lettura!